Casale del Giglio, innovare lungo le generazioni

Magazine

Casale del Giglio, innovare lungo le generazioni

Fondata dalla passione di un padre, Dino Santarelli, oggi è l'innovazione del figlio Antonio a guidare Casale del Gilgio, una delle principali cantine del Centro Italia


Una stirpe di sognatori

Non vi è mai capitato di sognare ad occhi aperti di condurre una tenuta vitivinicola? Fate le ricerche, vi annotate le idee e i luoghi più vocati e poi mettete tutto nel cassetto. Coltivare la vite non è un compito facile. Tuttavia, per la famiglia Santarelli, fare vino era un sogno da realizzare, quasi un destino trasmesso di generazione in generazione. 

Le passioni del padre

Affascinato delle potenzialità dell'Agro Pontino, nel 1967 Dino Santarelli acquista qui un terreno incolto: 50 chilometri a sud di Roma e a metà strada dal mare, ottima esposizione e buone vie di comunicazione. Dino proveniva da una famiglia di commercianti di vino e olio d'oliva e aveva costruito con successo un'azienda di imbottigliamento e importazione di vino. Era sicuro di potersi dedicare alla coltivazione e alla vinificazione. E aveva ragione.

L'innovazione del figlio

Tuttavia, sarebbero passati altri due decenni prima che le viti mettessero davvero radici nel suo terreno. Nel 1985, il figlio di Dino, Antonio, era un vivace venticinquenne in fuga da Roma, cresciuto nella tenuta di famiglia. Per Antonio, Casale del Giglio era stato semplicemente un paradiso di campagna, ma quando entrò in azienda, vide la terra sotto una nuova luce. La vinificazione, in Lazio, era anni luce indietro rispetto ad altre Regioni: alcune comunità, come Frascati, producevano vini popolari, senza troppe pretese. Sebbene Roma fosse la Capitale, la sua attenzione per la vitivinicoltura era minima, eppure, il potenziale esisteva. Antonio decise di dare una scolta assumendo un giovane enologo del Trentino, Paolo Tiefenthaler, e dar vita al riscatto enoico dell'Agro Pontino: tutto questo passati di poco i vent'anni. 

Ricerca e ancora ricerca

Antonio sapeva che avrebbero dovuto fare affidamento su dati e scienza per produrre il miglior vino. Senza i secoli di tradizione che hanno dettato la vinificazione nel resto d'Italia, non c'erano conoscenze a cui attingere. Così, Antonio e Paolo hanno chiesto aiuto ai migliori accademici italiani di scienze del vino per progettare un esperimento di ricerca che, si spera, avrebbe prodotto almeno un vitigno in grado di produrre un buon vino dal loro terroir. Quindi i due hanno deciso di esplorare altre tre famose regioni vinicole: Bordeaux, California e Australia. Hanno scelto specificamente queste aree per il loro ambiente costiero; la valle dell'Agro Pontino ha un clima marittimo e si è voluto fare in modo di sfruttarlo al massimo delle sue potenzialità. Nel 1987, il duo ha piantato oltre 60 varietà diverse. Hanno testato e degustato ogni varietà di uva e nel giro di un anno Antonio e Paolo hanno bevuto il vino; i terreni si prestano bene alla coltivazione di Syrah, Petit Verdot, Sauvignon, Viognier e Petit Manseng.

Innovazione continua per un costante successo

Forte del successo di questa ricerca, Antonio ha costantemente radicato lo sviluppo di Casale del Giglio nell'innovazione sostenuta dalla scienza. Paolo è ancora l'enologo capo ei due sono diventati famosi negli ultimi 23 anni per la viticoltura pioniera nel Lazio. Il loro approccio innovativo si è esteso alla piantagione di vitigni autoctoni e alla verifica della loro qualità. Ora, accanto alle varietà internazionali, Casale del Giglio coltiva Bellone, Biancolella e Cesanese, vitigni autoctoni del Lazio e della Campania, portando loro una nuova consapevolezza e presentando i loro sapori a un pubblico più ampio. A volte hai solo bisogno di un po 'di innovazione per alimentare i tuoi sogni.

Highlights

Scopri i nostri wine tour personalizzati in Lazio!

Read More